Antifurto casa

Antifurto casaCome scegliere l’antifurto casa? Si tratta di una domanda che centinaia di persone si pongono ogni giorno e la scelta è sempre più complessa dato l’ampliamento dell’offerta e il moltiplicarsi delle caratteristiche degli antifurto casa. Vediamo di risolvere alcuni dubbi.

Gli impianti antifurto rendono veramente più sicura la casa dato che la sola presenza di un allarme o una sirena solitamente funge da deterrente per i ladri. Se ciò non fosse sufficiente dovete sapere che i nuovi impianti di antifurto casa si possono gestire comodamente tramite App e informano in tempo reale sia il proprietario sia le forze dell’ordine in caso di tentato accesso agli ambienti. Infine un impianto antifurto costa veramente poco, rispetto alla pace del sentirsi tranquilli e protetti.

Oggi non esiste però un antifurto casa che si possa definire il migliore sul mercato al 100% in quanto la scelta della soluzione da adottare dipende di volta in volta dalle esigenze del proprietario dell’immobile e dalle caratteristiche dell’ambiente. E’ inoltre considerare i seguenti fattori: assistenza sul territorio, compatibilità con altre marche, gestione via APP, possibilità di realizzare vere e proprie centrali antifurto senza fili, facilità di trovare sul mercato i pezzi di ricambio in caso di guasto.

In particolare è fondamentale poter contare su un’assistenza sul territorio, soprattutto per gli impianti complessi che necessitano di programmazione ma anche qualora nell’antifurto casa più semplice si verifichi qualche malfunzionamento. Non meno importante è la compatibilità con le altre marche per completare l’intero sistema di allarme senza problemi, sopratttutto per quanto riguarda i sensori o altri componenti principali dell’antifurto casa. Esistono poi una serie di antifurto che grazie ad interfaccia filo radio si trasformano facilmente in antifurto senza fili, ideale se si vuole aggiungere ad esempio un sensore sul balcone di casa dove non si riesce a far passare i cavi o nelle zone della casa non raggiungibili con i fili.

La gestione dell’antifurto tramite APP

Oggi la possibilità di gestire l’antifurto domestico tramite APP è uno dei fattori discriminanti quando si tratta di vendere un antifurto: una gestione da remoto permette di inserirlo, disinstallarlo e parzializzarlo con pochi click ricevendo messaggi di allarme o ascoltando i rumori dell’ambiente se è presente un combinatore telefonico. I moderni antifurto permettono anche di ricevere su app indicazioni sul corretto funzionamento dell’impianto o su eventuali guasti e funzionano sia per i sistemi senza fili sia per quelli tradizionali.

La gestione da remoto è quindi diventata una caratteristica essenziale del sistema antifurto, anche per i diversi vantaggi che offre: possibilità di sbloccare da lontano l’allarme per far entrare qualcuno senza cedere telecomandi o password oppure attivarlo dall’ufficio se ci siamo dimenticati di farlo uscendo da casa. Inoltre si può gestire completamente la centralina per attivare l’ascolto ambientale, armarla e disarmarla e il tutto proprio con un’app o addirittura un sms. Per chi acquista una nuova centralina con interfaccia LAN/Internet è poi stata studiata una speciale app per controllare totalmente l’impianto antifurto anche via web. Infine tutte le app cono compatibili con Android, iOS, Windows Phone e solitamente la licenza dura a vita. Scopri la soluzione più adatta a te nel vasto catalogo Sice Srl e metti oggi stesso in sicurezza la tua casa.

I tempi del sistema di antifurto e configurazione zone

Una caratteristica fondamentale dell’antifurto domestico è la possibilità di impostare i tempi del sistema di allarme programmando ad esempio:

  • Ritardo in ingresso che permette al proprietario di entrare e digitare il codice segreto senza disinserire l’antifurto
  • Ritardo in uscita: permette di attivare un conto alla rovescia prima dell’inserimento dell’impianto permettendo al proprietario di uscire
  • Durata attivazione sirena in seguito a tentativi di intrusione o manomissione
  • Datario interno al sistema di antifurto
  • Orario di auto inserimento dell’allarme antifurto

Inoltre si consiglia di scegliere un impianto che permette di attribuire funzioni specifiche a seconda della stanza in cui è collegato il rilevatore, sia essa un ingresso, una finestra o una stanza centrale della casa.

Suddivisione del sistema

Nella progettazione dell’impianto antifurto il consiglio è assegnare a ogni rilevatore l’area a cui appartiene, suddividendo la casa in zone che si attivano con chiavi elettroniche, codici a tastiera o telecomandi. In questo modo l’antifurto potrà essere attivato totalmente o solo a livello perimetrale, magari sulle finestre o ancora solo su un determinato piano della casa in modo da restare in funzione anche quando i membri della famiglia sono in casa. Si tratta di una caratteristica ideale soprattutto per gli ambienti di grandi dimensioni e le ville signorili che necessitano di un controllo antintrusione costante per prevenire furti e aggressioni.